La chiesa di San Giorgio

La chiesa di San Giorgio (Sv. Jurij), famosa per il suo campanile che si può sentire da lontano, risale all’anno 1848. La chiesa parrocchiale di San Jurij viene menzionata per la prima volta nell’anno 1140. Nel corso dei secoli si sono susseguite ricostruzioni e ampliamenti; l’attuale chiesa è stata costruita nel 1687 e nel 1894 è stata restaurata nello stile romanico rinascimentale. L’anno seguente il pittore di Kamnik, Matija Koželj l’ha abbellita con degli affreschi. Sopra il presbiterio, sul soffitto, si trova il ritratto di Dio con gli angeli, sotto di esso, a sinistra e a destra, il pittore ha dipinto diverse scene dall’Antico Testamento e simboli eucaristici dal nuovo Testamento. Oltre alle grandi statue di San Pietro e San Paolo, si possono ammirare, a destra del grande altare, una grande statua di San Francesco Saverio, e, a sinistra, San Giovanni di Dio. Sul soffitto della navata centrale, quasi sopra il presbiterio, sono ritratte l’annunciazione di Maria, e, al centro, la sua ascensione e l’incoronazione.

I maggiori interventi di restauro degli esterni della chiesa parrocchiale sono stati effettuati nel 1897 e, in seguito, nel 1973, in occasione dell’ottocentesimo anniversario della chiesa. I lavori di restauro degli interni sono iniziati nel gennaio del 1988.

Sono state rimosse e sostituite le lastre di pietra del pavimento, così come i banchi, troppo stretti, con altri di quercia e il presbiterio. Dal vecchio tavolo della comunione è stato ricavato il nuovo altare, girato verso i parrocchiani. Successivamente la chiesa e stata ridipinta e gli affreschi sono stati puliti. Nel 2005 è stato ristrutturato anche l’organo.